Gli antichi greci consideravano il vino una bevanda sacra, ripresa dagli abitanti di Roma che ne modificarono la composizione con l’aggiunta di acqua di mare. Essi sostenevano che questa bevanda avesse delle particolari proprietà utili alla digestione. 

Il vino rosso come alleato

Sinonimo di festività e allegria, al giorno d’oggi sappiamo che il vino possiede delle proprietà benefiche importanti per il nostro organismo, oltre ad essere una delle bevande preferite degli italiani.

Il consumo di vino in Italia è molto più alto rispetto ad altri paesi: rispetto alla popolazione totale, la regione italiana in cui si consuma più vino è l’Umbria. Di seguito troviamo Marche, Veneto, Emilia Romagna e Valle d’Aosta.
Non solo il suo gusto che lo rende caratteristico e lo differenzia da zona a zona della penisola, ma anche la sua capacità di creare un ambiente sofisticato e conviviale

Ecco quali sono i suoi benefici e come influiscono sulla nostra salute, fisica e mentale. 

I benefici del vino rosso sulla salute

Il vino rosso contiene numerosi principi attivi che permettono a questa bevanda di svolgere un ruolo importante all’interno del nostro organismo. 

Tra le componenti che rendono il vino così prezioso per l’essere umano vi è il resveratrolo, un principio attivo che insieme ad altri ossidanti aiutano il nostro cervello e il cuore a funzionare con regolarità, abbassando la possibilità di incorrere in crisi cardiache. 

Contrariamente a quanto si pensa, infatti, il vino ci permette di rimanere attivi e riattiva il nostro cervello, stimolando il funzionamento e riducendo la possibilità di soffrire di demenza o di una generazione dei tessuti cerebrali. 

Aiuta a combattere la stanchezza e dona energia, mantenendo sempre l’assunzione all’interno delle dosi consigliate, in base a età e sesso. 

Oltre al fisico il vino svolge un’importante funzione antidepressiva andando ad influire sulle endorfine che sono presenti nel cervello, aiutando l’attività cellulare. 

Il vino può anche essere un forte alleato per coloro che hanno deciso di perdere peso, purché consumato con moderazione. Assumere vino permette infatti di arrivare ad una riduzione delle cellule di grasso, impedendo la formazione e contrastando così l’obesità


Un consumo di vino non esagerato viene consigliato giornalmente, sia a uomini che a donne: sono diverse però le quantità che si possono assumere, soprattutto in relazione al fisico e all’età del soggetto. Per la donna si consiglia infatti l’assunzione di 150 ml al giorno (un bicchiere), mentre l’uomo può bere fino a 300 ml in una giornata (due bicchieri).
Ci sono indicazioni che prevedono quanto vino poter ingerire, specialmente se si sta affrontando una dieta: in quel caso l’assunzione di alcool è sconsigliata perché potrebbe provocare un aumento di peso.
Anche in questo caso dipende dal tipo di regime alimentare che si sta seguendo. 

Oltre al fisico, il vino svolge un’importante funzione antidepressiva andando ad influire sulle endorfine che sono presenti nel cervello, aiutando l’attività cellulare per mantenere l’organismo attivo. Si scatena un funzione di contrasto alla depressione che favorisce il sollievo mentale e permette di agire con una leggerezza maggiore. 

Non rimane dunque che da scegliere quale vino selezionare al ristorante o portare nelle nostre case, da bere in compagnia o da soli.